I prodotti Bioearth SUN sono uno strumento efficacesicuro e pulito per garantirsi la protezione dagli effetti negativi dei raggi solari potendo contare sulla sicurezza del sistema filtrante e sulla pulizia delle formule sviluppate oltre che sull’estrema piacevolezza delle texture.

Sistema filtrante sicuro ed efficace: Bioearth protection blend
Bioearth Sun Protection Blend è un innovativo sistema protettivo multifiltro ideato dai ricercatori Bioearth. Conforme alla Raccomandazione Europea sui prodotti solari, esso è formato da filtri minerali non nano abbinati a filtri chimici scelti per la loro documentata efficacia e sicurezza per l’organismo. Non penetrano nella pelle e non hanno potenziale effetti estrogeni. 

> Uvinul A+® e Tinosorb S®, Uvinul T 150® - filtri chimici - ben tollerati anche dalle pelli più sensibili, efficaci e stabili anche ad alte temperature.
> Ossido di Zinco e Diossido di Titanio - filtri fisici o minerali -
 non micronizzati che schermano tutti i raggi solari e creano sull’epidermide una barriera fisica che riflette tutta la luce e evita il surriscaldamento dell’organismo.



Bioearth physical shield

Protezioni solari 100% filtro minerale. No nanoparticelle. Il nostro impegno costante nella ricerca della qualità e dell’innovazione ci ha consentito di realizzare due nuovi protezioni 100% minerali, in grado di rispondere appieno a quanto indicato della Normativa Europea.


I filtri che non utilizziamo
Nell’ambito dei filtri per noi “negativi” e che quindi NON UTILIZZIAMO citiamo quelli che sono più presenti in molti prodotti solari:
> Benzophenone-3 - è sospettato di penetrare attraverso la cute e potrebbe provocare allergie, reazioni di fotosensibilità e problemi ormonali.
> Methylbenzylidencamphor - alcuni studi hanno dimostrato alterazioni della tiroide sulle cavie, è stato trovato in tracce nelle urine quindi penetra nella pelle. Può anche dare reazioni allergiche.
> Paraaminobenzoico acid (PABA) - era il filtro più utilizzato in passato, molto efficace in particolare per i raggi UVB. Potrebbe provocare sensibilizzazione e reazioni allergiche. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che ha effetti estrogenici. Per questi motivi, il comitato scientifico della Commissione Europea che si occupa della sicurezza dei cosmetici ha deciso che non può più essere utilizzato come filtro solare.
> Ethylhexyl methoxycinnamate, Octyl methoxycinnamate - molto presenti anche nell’ambito dei solari cosiddetti naturali ma che Bioearth non utilizza perché esistono in letteratura alcuni studi che ipotizzano possibili effetti non graditi e la potenziale penetrazione nell’organismo attraverso la cute.